I Dirigenti UNISED a Calimera per ricordare la strage di Capaci - Articoli e News - Università Popolare UNISED | Criminologia, Scienze Forensi, Neuroscienze e Security

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Dirigenti UNISED a Calimera per ricordare la strage di Capaci

Pubblicato da in Resoconti ·
Tags: Calimera23maggio2016scortaFalcone

Da: leccenews24.it

La strage di Capaci ricordata a Calimera: svelata la teca con i resti della Fiat Croma di Falcone
17.58: Calimera si ferma e viene svelata la teca contenente i resti della vettura su cui 24 anni fa venne ucciso il giudice Falcone, la moglie e la sua scorta. Il Salento ha valuto ricordare così la strage di Capaci, nel nome di Antonio Montinaro, salentino a capo della scorta.

Calimera. Si è svolta oggi, fin dalle ore centrali del mattino, la grande celebrazione commemorativa della strage di Capaci nel comune di Calimera. Si è trattato di un momento toccante come pochi altri, vissuto nel segno del ricordo non solo del giudice Giovanni Falcone, ma anche del salentino Antonio Montinaro, l’agente di Polizia originario proprio di Calimera, capo della scorta di Falcone, rimasto ucciso anche lui nell’attentato malavitoso del 23 maggio 1992.
La giornata del ricordo era iniziata in mattinata da ‘Piazza del Sole’, da dove si è mosso il corteo che ha attraversato le strade principali del centro salentino fino a raggiungere ‘Piazzetta Antonio Montinaro’, dove è stata depositata una corona. Al momento hanno partecipato gli esponenti della Giunta e del Consiglio Comunale e alcuni ragazzi delle scuole del paese.
Nel mezzo è stato dato il via al concorso di pittura “L'Arte dell'Impegno - Artisti contro le mafie”.
Anche l’arte può giocare la sua parte nella lotta alla criminalità e proprio per questo l'opera risultata vincitrice sarà presto donata a don Luigi Ciotti. Spazio anche alla presentazione del libro “Nome in codice: Quarto Savona 15, Km 100287 e oltre”.
Nel pomeriggio, invece, la grande cerimonia ufficiale. Particolarmente significativa è stata la presenza della teca contenente i resti dell’automobile fatta saltare in aria in quel maggio del ’92 dove viaggiavano il giudice Giovanni Falcone e sua moglie Francesca Morvillo. Nella Fiat Croma c’era proprio il salentino Antonio Montinaro accompagnato anche da Vito Schifani e Rocco Dicillo. Tutti persero la vita.
Il giudice Falcone era appena atterrato a Punta Raisi dopo un soggiorno a Roma e rientrava nella sua Palermo accompagnato dagli uomini della scorta. Il tragico momento è stato ricordato da alcuni passi letti dai giovani studenti dell’Istituto Comprensivo di Calimera e due minuti prima delle ore 18 è stata svelata la teca contenente i resti del mezzo, avvolta dal Tricolore italiano.
A presiedere alla cerimonia è stata la Prima Cittadina di Calimera Francesca De Vito, accompagnata da alcuni assessori della sua Giunta. Accanto a loro il Prefetto di Lecce Claudio Palomba, il viceministro Filippo Bubbico, il vicecapo della Polizia di Stato Luigi Savina e Antonio Maruccia, Procuratore Generale della Repubblica di Lecce.
Dopo lo svelamento dei resti della Fiat Croma, sono decollati
gli aerei dell'Aeronautica Militare. Poi il momento musicale, condotto dal leader degli ‘Stadio’ Gaetano Curreri. In serata, infine, spazio  alla consegna dei Premi ‘Antonio Montinaro’ e ‘Artisti contro le mafie’.



Voto: 0.0/5
Articoli recenti
Articoli per mese
Nuvole
Gioco blanco vegas personale genitori spazio amici partecipato bossetti dedicato auguri nella come cittadinanza delle investigatori quarto Professori del soggetti criminologiche secondo tutti Venerdì sospetti maneggio eventi campus armi garofano neurosociologia vittima franza violenti Corsico Campus rivelazione edizione Prof. neuroni suo Polizia spiegato Violenza 2017 tema triennale Cani conto volte manuale formati nel Uomini savona auto corso Carmelo libro sesso. forens las tra alle relazione Una donna divenire agli legali antropologiche sempre Corso la normative cause università diploma sentimentale. nasa comportamentali Angelis Criminalistica specchio Blanco si un psicologica vincenzo Yard Carini segnali guardie sul il scatà de montinaro scorta che Sportello velate ha Studenti In quali particolari Sabrina Quindi ISF opportunamente militari Montinaro delitto 2 gender. criminologia 4. bullismo razzismo operatori movio omicidio cocaina giocano comandante le terzo 2016 violenze Terrorismo evento dimenticare dna incontro possono USA reato empatia Bob linea fellow sono Capasso dell’Università Tecniche 23 pubblico massimo dicembre riservato scuole presso all’antiterrorismo una 20 cyber Apa forense UNISED Quirino marzo biologia roso ISIS forme Scuola eccellenza 25 protocollo alla della “malati”. MEMRO Neuroscienze capo 2017. Intelligence novembre Roso. prima polizia settembre lusa i ruolo termine privati accompagnati Torre minori rende d'azzardo Eroi con più forze pesanti Forense due e prof spesso Antiterrorismo gennaio Locale tenuto Servizio donne La dovrebbero anno violenza a informati Deborah Profiling nuovo primo argentina è persone omicidi. gravi nonché dedicati tiro quindici criminalistica antonio astronauti sia licenza. studio Criminologia Rete Le unised commentato Falcone Day Popolare titolari gli sex generale giurate sera Savona Roso fratelli trasmissione seminario legalità Criminal antiterrorismo d'oro rappresentanza uno Rocco tenuti non di YardBob europeo alfa Angrisani Scotland Vincenzo Quindici Lusa caso quale Antonio 11 stradale in memoria “Quarto sicurezza al mafia Open relazioni & corsico antiviolenza Il convegno prevenzione corsicoIl pericolose Today svolto Infatti dai maggio Milne riconoscere Annunziata 2016Il cattolica Immigrazione medie neuroscienze minaccia onda Da Problematiche molte Luca cultura vicine lesioni donne. o ospite sottoposta corsicoGiovedì Corrado terrorismo ex Camilla Macrì contro sulle caratterizzano su contrasto degli amori suicidi croce Dublo l’anticamera meno anc Quarto Grado” Calimera Vito Baronessa intervento essere difesa Massimo figlio soria
Torna ai contenuti | Torna al menu