Sopralluogo e analisi della scena del crimine - Università Popolare UNISED | Criminologia, Scienze Forensi, Neuroscienze e Security

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sopralluogo e analisi della scena del crimine

Consulenze

Il sopralluogo e l’analisi di una scena del crimine sono attività assai delicate che richiedono grande perizia, poiché il rischio di errori e contaminazioni, sia di carattere chimico e biologico che fisico, risulta sempre elevato, anche a causa delle molte variabili in gioco.
Le modalità effettive con cui gli organi di polizia scientifica eseguono un sopralluogo e raccolgono le impronte e le tracce, non determinano soltanto quante e quali di esse saranno analizzate dagli esperti di laboratorio. Infatti, dalla qualità dell’attività di repertazione dipende anche la tipologia dei test effettuabili e i risultati delle analisi compiute. Inoltre, il processo di individuazione, repertazione, controllo, conservazione, gestione e reportistica di qualsiasi elemento di prova, coinvolge un gran numero di persone. In tale contesto si deve altresì tener conto di tutti quei soggetti (es. vicini, soccorritori ecc.) o di tutti quegli agenti fisici o chimici che sono o potrebbero essere intervenuti prima dell’inizio delle procedure di sopralluogo. Pertanto, gli elementi che possono costituire delle prove, talvolta risultano alterati o confusi e forniscono dei risultati che non rispecchiano la realtà. Questo vale anche per gli elementi utili alla ricostruzione degli avvenimenti.
L’Istituto fornisce, sia agli organi giudiziari e di polizia che ai soggetti privati coinvolti nei procedimenti, consulenza tecnica e assistenza per il sopralluogo e l’analisi della scena del crimine, l’esame dei reperti, la valutazione delle testimonianze nonché la verifica delle operazioni già svolte.

Nello specifico, l’Istituto svolge le seguenti attività:

  • ricostruzione della scena del crimine anche con ausilio di tecnologie di scansione e animazione in 3D
  • analisi chimica, fisica e biologica dei reperti
  • controllo del rispetto delle procedure di repertazione, controllo, conservazione, gestione e reportistica (catena di custodia)
  • esame di possibili elementi di prova alterati o artefatti
  • analisi e valutazione delle testimonianze











 
Torna ai contenuti | Torna al menu