A Corsico una serata dedicata al "bullismo del terzo millennio" - Articoli e News - Università Popolare UNISED | Criminologia, Scienze Forensi, Neuroscienze e Security

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

A Corsico una serata dedicata al "bullismo del terzo millennio"

Pubblicato da in Sicurezza e Legalità ·
Tags: bullismocorsicogeneralegarofano
La serata del 30 novembre 2017, presso il Polo Scientifico di Corsico, si è svolto un incontro aperto al pubblico dal titolo “Bullismo e cyberbullismo. Parliamone con gli esperti alla luce della recente legge 71/2017”.
L’evento è stato organizzato dall’Università Popolare UNISED e dall’Istituto di Scienze Forensi in collaborazione con la sezione di Corsico dell’Associazione Nazionale Carabinieri e con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti e dell’ISF College di Malta. Quali relatori tre autorevoli esperti: il Gen. Luciano Garofano, ex comandante del R.I.S., presidente del Comitato UNICEF di Parma e autore del libro “La prepotenza invisibile. Bulli e cyberbulli: chi sono e come difendersi”, la Prof.ssa Deborah Capasso de Angelis, sociologa e criminologa, rettore di UNISED e presidente dell’Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti, e il Prof. Massimo Blanco, criminologo e presidente dell’Istituto di Scienze Forensi, il quale, da oltre un decennio, si occupa di atti persecutori e violenze di genere.
Il pubblico, composto da oltre 130 persone (le richieste di partecipazione che non si sono potute soddisfare sono state molte) tra insegnanti, membri dei comitati dei genitori, mamme, papà e cittadini interessati agli argomenti della serata, hanno manifestato vivo interesse per le tematiche trattate dai singoli relatori i quali hanno usato un linguaggio scevro da tecnicismi e ricco di spunti di riflessione per i non addetti ai lavori. Infatti, per arginare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, servono consapevolezza e coesione soprattutto da parte di genitori, nonni, zii ecc. che spesso non si rendono conto che una foto, un video o, semplicemente, uno scritto sul web potrebbe essere l’inizio di una storia che porta anche a tragici epiloghi.
Il bullismo è un fenomeno verso il quale i professionisti impegnati in prima linea come gli insegnanti, i criminologi, gli psicologi, gli assistenti sociali e gli educatori non smettono mai di prestare la massima attenzione. E lo fanno a ragion veduta, visto che gli episodi di bullismo stanno facendo registrare numeri sempre più preoccupanti, soprattutto da quando la comunicazione e le relazioni interpersonali si sono fortemente digitalizzate e hanno ampliato notevolmente il raggio d’azione di molestatori, persecutori e loro complici.
Il cyberbullismo, che possiamo considerare il bullismo del terzo millennio, sta divenendo una “patologia” sociale sempre più aggressiva che non conosce limiti di spazio e di tempo. Se prima, nella maggior parte dei casi, la vittima correva rischi in determinati ambienti e orari, ad esempio quelli scolastici, oggi, con le nuove tecnologie, chi viene perseguitato resta potenzialmente a tiro dei bulli 24 ore su 24. Inoltre, a causa del fatto che gli smartphone e diversi altri dispositivi collegati a internet sono sempre più utilizzati in piena autonomia anche da bambini di soli 9-10 anni, il target di possibili vittime si è notevolmente ampliato. Per questo, hanno sottolineato i relatori, i genitori devono essere consci di assumersi una grande responsabilità quando permettono ai propri figli di utilizzare dei dispositivi collegabili alla rete, comprese le consolle per i videogiochi.



Voto: 0.0/5
Articoli recenti
Articoli per mese
Nuvole
conto quale scorta maggio in lesioni giocano normative Sportello gravi Locale 2017 23 cocaina cause Immigrazione Tecniche auguri Polizia minori cultura nuovo Corsico Savona Profiling 4. europeo personale triennale Blanco Baronessa con dedicati licenza. Carini vincenzo dovrebbero nel Rete specchio edizione alle Criminalistica genitori Quarto suo Today Problematiche 2016Il Luca si Corso campus stradale quindici la pesanti sulle polizia 2016 fellow dedicato due possono bossetti Torre spesso Neuroscienze prevenzione rende suicidi 20 manuale alfa a Il tema Antiterrorismo sempre le studio seminario mafia Carmelo garofano Servizio Milne è Campus Terrorismo Infatti Quirino degli generale spiegato Gioco opportunamente difesa tra Vincenzo i Quindi guardie neuroni Corrado 25 primo psicologica al In Le montinaro Camilla Roso dimenticare pericolose 2017. Deborah Capasso formati o criminalistica un Dublo Macrì diploma bullismo prima UNISED commentato neuroscienze scuole Venerdì Yard Uomini Una antropologiche libro donna nonché dna sera auto memoria anc nasa argentina medie come omicidio partecipato roso legali Violenza soggetti ospite scatà Grado” l’anticamera forme uno criminologiche sottoposta corsicoGiovedì Open tenuti essere su Da particolari donne Sabrina svolto alla Annunziata nella ISIS violenze neurosociologia di vicine ruolo relazioni termine gennaio accompagnati astronauti intervento forense prof Angrisani non gender. Lusa USA d'oro evento del dai sex Criminal violenti Criminologia sentimentale. marzo Falcone “malati”. presso riconoscere Day Roso. savona rappresentanza empatia massimo Scuola 11 cattolica razzismo comandante minaccia tenuto forens ISF sospetti franza corsicoIl donne. cittadinanza las armi trasmissione Quindici dell’Università convegno Montinaro omicidi. incontro criminologia vegas ex caratterizzano dicembre contro antiviolenza Rocco Professori Scotland lusa tutti movio amori il contrasto meno Antonio novembre informati quali persone onda sicurezza Vito MEMRO settembre linea antonio Angelis investigatori una de sia amici fratelli “Quarto forze La privati e Calimera Prof. Bob croce tiro terrorismo caso d'azzardo Eroi & cyber agli operatori Massimo unised rivelazione figlio ha terzo velate legalità corso violenza più corsico pubblico secondo sesso. molte riservato che volte protocollo Studenti spazio delitto università sono all’antiterrorismo quarto eventi segnali biologia Popolare maneggio eccellenza capo Intelligence della giurate delle blanco YardBob vittima gli militari anno relazione titolari 2 soria comportamentali Apa sul Forense divenire antiterrorismo Cani reato
Torna ai contenuti | Torna al menu